www.wgg-milano.It

OCCHIO AGLI OCCHI

i nuovi occhiali tattici da combattimento

di: Fabrizio Bucciarelli

“Gli occhi sono lo specchio dell’anima” citava un antico e saggio proverbio
e per i militari di tutto il mondo potremmo aggiungere “E meritano adeguata
protezione”.
Un po’ come l’anima.
L’occhio e la vista sono gli strumenti relativi alla visione e alla
concezione stessa della realtà oggettiva come noi la concepiamo e grazie ai
loro sofisticatissimi meccanismi di ricezione della luce possiamo arrivare a
recepire i mutamenti che sono intorno a noi.
Guai perdere l’efficienza di questi eccezionali organi di senso e peggio
ancora quando tale capacità viene definitivamente persa per traumi o
malattie: senza la vista, pur accettando il parziale auimento degli altri
rimanenti organi di senso, siamo tuttavia privati della massima parte del
mondo circostante e, nel nostro caso, del “bersaglio/avversario/nemico”.
Fin dalla Grande Guerra e dalla Seconda Guerra Mondiale si ebbe un
proliferarsi di occhiali e occhialini specificamente studiati per l’uso
bellico anche se con scarse capacità protettive e basti ricordare il
Maresciallo Rimmel alla testa della sua Africa Korps affrontare i terribili
venti dei deserti con gli immancabili occhiali anti sabbia.
Ignorati nel primo periodo post bellico sono stati negli ultimi quindici
anni rivalutati a causa dell’impiego della luce L.A.S.E.R. a scopi bellici
ma soprattutto del rinnovato interesse per il benessere psico-fisico del
combattente che vuole protetto ai massimi livelli gli elementi vitali del
soldato tra cui la vista.
Dalla Guerra del Golfo ad oggi sono sorte aziende proiettate in questo
singolare settore e sono numerose le firme nel mondo dell’ottica civile ad
aver dedicato interi progetti e team atti a produrre occhiali, i notissimi
“Military Googles” per fornire il meglio alle truppe combattenti di mezzo
mondo il che equivale anche a risolvere quasi definitivamente il problema
della sicurezza nel Soft Air della serie “Se va bene a loro va bene anche a
noi!”.
E ora una breve sequenza di proposte interessanti che dovrebbero aiutare i
“Professionisti” circa questo fondamentale elemento di protezione passiva
dell'organo fondamentale della vista

La ESS americana è un’azienda che sta diventano il “Must” dell’occhiale ad
uso specifico militare: varie le proposte di interesse grazie alle linee
semplici dei suoi prodotti, i costi interessanti nel rapporto qualità/prezzo
e l’elevata tecnologia delle lenti. Unico nel suo genere il modello “Turbo
Cam” che vede inserito in un ottimo occhiale da combattimento largo e
comodissimo e già dotato del sistema Anti –Fog brevettato ESS una minuscola
ma efficacissima ventola alimentata da una piccolissima batteria posta a
lato dell’elastico che permette l’esfiltrazione dell’aria umida dall’
interno. Meno sofisticati ma anch’essi di eccezionali doti passive gli
“Special Forces Black Google” dlla linea più sottile e di minimo ingombro
sempre e comunque dotati di sistema anti appannamento e di lenti di ricambio
anti-laser e oscurate. I classici “Military Land Ops” con lenti di ricambio
sono il prodotto di base che però certo non deve essere preso per l’ultimo
della classe dato che nelle differenti versioni è stato distribuito a
numerose unità statunitensi operanti in varie aree.

La Bollè non ha certo bisogno di troppe presentazioni dato che era ed è una
delle aziende produttrici di occhiali tattici preferite non solo dai
Softgunners ma anche dai reparti di polizia e SF migliori del mondo grazie a
una specifica conoscenza delle priorità legate al sistema di tutela dell’
occhio umano in condizioni operative e un interessante tipologia di modelli.
Anche in questo caso sono tre i modelli principali di interesse e di cui al
primo posto troviamo i Bolle Defender realizzati in PVC polimero ad elevata
flessibilità e con ampie prese d’aria ed ottime lenti realizzate grazie ad
un inedito sistema anti appannamento. Nulla ha da invidiare il modello
Commando che vede linee morbide che possono essere utilizzate in abbinamento
con elmetti di varia foggia oppure sulla nuda testa e che permettono alle
lenti, oltre alle precedenti caratteristiche, un’ ottima e bivalente
visione. Il modello T800, a basso profilo, risulta notevole proprio per chi
desidera un occhiale che non abbia impedimenti di alcun genere nei movimenti
del viso e un’ottimale visione periferica.

La Oakley , notissima firma dei più avanzati progetti di ottiche ad uso moda
e sportivo, ha presentato un catalogo di occhiali e occhialini di interesse
militare che, anche in questo caso, può benissimo adattarsi anche ai
Softgunners pur con i puntini sulle “S”. Il senso è presto detto: a mio
avviso pur confermando l’estrema cura di queste produzioni va sottolineato
il costo davvero non indifferente e l’eccessiva enfasi nella forma e nella
ricerca di un design che nulla ha a che vedere con le primarie specifiche
militari a cui siamo abituati. Softgunner, non Snowboarders almeno in questo
contesto, Molto belli ed efficienti, per chi desidera utilizzare degli
occhiali non integrali i vari modelli detti “S.I. Pro M Frame” nelle varie
configurazioniHeater, Strike, Hybrid e Sweep e con lenti che vanno dal
colore grigio a quello neutro a quello arancione fino all’anti-laser. Molto
interessante l’occhiale “Assault A Frame Google” realizzato con specifiche
di vari Reparti Speciali francesi, tedesche e americane e che vedono
abbinarsi l’esperienza sportiva della Oakley alle nostre esigenze: un
occhialone anti-fog combinate con un innovativo sistema chiamato “Polaric
Ellipsoid” che garantisce una perfetta ricezione visuale anche nelle più
avverse condizioni atmosferiche. Il tutto abbinato ad un ottimale comfort
per il viso, il che non guasta dato che anche i giocatori di Soft Air, oggi,
si cimentano in azioni che durano ben più delle semplici ore di un weekend
tra amici.

Uvex è un’azienda non troppo nota ma…degna di nota per alcune sue produzioni
che entrano a buon diritto nel mondo degli occhiali di stampo tattico quali
i modelli Uvex Climazopne e lo Stealth: entrambi con linee piuttosto morbide
e notevolmente comode, questi occhiali di protezione nati per i corpi dei
Vigili del Fuoco garantiscono buone caratteristiche di protezione e di
ventilazione permettendo una comodità notevole anche con elmetti di vario
genere. In entrambi i modelli vanno valutate anche l’ottima visione
periferica laterale, la leggerezza e le varie tipologie di lenti di
differente colore. Il tutto a prezzi più che accessibili.

E se con quest’ultimo termine vogliamo veramente “risparmiare” pur rimanendo
in ambito militare, non ci rimane che indirizzarci verso gli innumerevoli
negozi o mercatini di surplus militare dove di certo potremo trovare gli
inossidabili occhiali da carrista americani denominati “ Goggles Sun Wind &
Dust” e genericamente noti come “Commando” in Italia che rappresentano
anche, dalla metà degli anni ’70, i primi seri intendimenti delle Forze
Armate a stelle e strisce di tutelare al meglio sia la visuale che l’organo
ottico dei propri soldati. Solitamente la confezione di cartoncino rigido
contiene gli occhialini di colore verde scuro, una lente di ricambio nera e
le generiche istruzione per l’uso e la pulizia contenute sulla confezione di
queste ultime. Completamente in materiale plastico di non indifferente
qualità sono stati concepiti per l’utilizzo in abbinamento all’elmetto
standard e quindi abbastanza scomode sopra bandanad o berretti. Inutile
sottolineare che la ventilazione che avrebbe dovuto essere ottimizzata da
una ventina di fori posti nella parte superiore dell’occhiale e di una
diecina tra i laterali e inferiori non garantiscono certo la perfetta
visibilità a causa dell’inevitabile appannamento.

Numerosi altri i modelli esistenti che permettono una discreta visuale ma
una scarsa protezione della serie "In Iraq non siamo ad un poligono".
Queste le recenti innovazioni che si spera vengano valutate al meglio dal
personale militare impegnato nelle dure realtà belliche e a buon motivo:
privare il combattente di questo principale organo di senso, la vista, è
equiparabile a togliere l'acqua in un deserto.

 

     

    Informazioni?

    info@mimetix.it

    mimetix,esercito,softair,militaria,aste,shopping,armi,recensioni armi,articoli militari,motore di ricerca,portale soft-air,soft air,soft-air,marina,aeronautica,areonautica,informazioni marina,informazioni areonautica,informazioni esercito,servizi armi,armi da guerra,air soft gun